Home
  • Spazio pubblicitario libero 2
  • Spazio pubblicitario libero 3
  • Spazio pubblicitario libero 4
  • Spazio pubblicitario libero 5
FacebookTwitterLinkedin
Citazione Johann Wolfgang Von Goethe

Citazione Johann Wolfgang Von Goethe

"Calascibetta è posta in una posizione estremamente panoramica, ad anfiteatro, sopra una rupe sforacchiata di grotte, ma chi poteva immaginare a godere tale spettacolo".                                         Johann Wolfgang Von Goethe

Citazione da l'isola del sole di Luigi Capuana

Citazione da l'isola del sole di Luigi Capuana

Calascibetta, in cima a un colle tutto fiammeggiante di sole. Ma a poca distanza da me, davanti, attorno, case , chiese, campanili, viuzze, spianate, e le massicce torri del castello di Mineo, rovesciate dal terremoto del 1693 come un gioco di birilli.

Ai confini del Val di Noto nel cuore della Sicilia si eleva sul monte Xibet Calascibetta. La sua posizione geografica è stata da sempre un punto di forza della cittadina e dei suoi abitanti, infatti, è pressoché equidistante dai tre mari che bagnano l’Isola. Il barocco siciliano trova nelle città di Catania, Ragusa e Siracusa la sua massima espressione, pochi però conoscono il confine nord di questo antico Vallo posizionato nel centro dell’isola: Calascibetta. Collocata tra i centri meno famosi di quest’area del Val di Noto, offre una storia unica nel suo genere, diversificata dal proprio ambito territoriale, che abbinata ai suoi siti archeologici caratteristici, ne fanno una perla sconosciuta del centro della Sicilia. Calascibetta si sviluppò in tre aree ben divise: il primo nucleo medievale (XI sec.) nella parte più alta del centro abitato circondato da mura, torri e strapiombi sul fondovalle; il secondo (XIV sec.), ubicato nella parte più a valle dell’attuale centro urbano, nelle vicinanze dell’Ospedale di S. Barbara retto dall’Ordine dei Cavalieri Ospitalieri Agostiniani nato come succursale dell’Ospedale di Santo Spirito di Roma in Saxia; il terzo, ebraico (XIV sec.) fuori dalle mura della città medievale e lontano dai cristiani. Calascibetta era città demaniale e come tale occupava il 24° posto nel parlamento siciliano, nello stesso tempo era una delle 52 città del regno di Sicilia che ospitava una comunità di Ebrei. Sul campo giuridico una particolare legge, il cosiddetto diritto della “Legazia Apostolica” o “Monarchia Sicula” fece sì che la città si avvalesse di privilegi e franchigie. Questo diritto regio, in Sicilia, applicabile solo nelle città demaniali, fu ritenuto “La gemma più preziosa dei re di Sicilia”, grazie al quale i sovrani dell’Isola dall’XI sec. al 1929 diedero vita al loro sistema di Governo Ecclesiastico che prese il nome di “Monarchia Sicula”. 

Da oggi, per gentile concessione dell'autrice, si aggiunge alla presentazione della città di Calascibetta, una bellissima poesia dedicata a questa città,  della poetessa Nicoleta Nicolau.

 Calascibetta...

 Nonostante il tempo passi, tu resti la stessa.
Stai lì sul tuo piedistallo, meravigliosa principessa.
Non ho potuto mai dimenticare il nostro primo incontro:
tu, aspettavi a braccia aperte, accarezzata dalla luce del sole
il mio arrivo sul vento dell'amore.
Conoscevi già il mio destino.
Infatti, mi hai accolta come una madre,
mi hai stretta subito al tuo seno
e il mio cuore ha ricambiato facendoti un elegante inchino.
Mi hai lasciato girovagare per la tua anima
e lì, nei tuoi vicoli stretti
ho scoperto la sua bellezza
raccontata dal vento e dai muri
che sussurravano storie di vita in arabo, spagnolo, latino ma soprattutto, nel dialetto siciliano.
Mi hanno detto che rimpiangono lo scalpitio dei muli
e i canti delle donne che andavano a infornare il pane vestite di grembiuli.
Rimpiangono le voci dei bambini che riempivano i vicoli,
le loro risate e i giochi infiniti senza la presenza dei giocattoli.
I mezzi e le persone cambiano ma tu resti la stessa
Stai sempre con le braccia aperte, bella principessa.
Ti amano tutti: il vento, il sole e la pioggia
e spesso, ti avvolge una fitta nebbia
che invade ogni angolo nascosto.
Rimanete così abbracciati per ore o giorni interi
e quando silenziosa se ne va,
il sole ti illumina
e tu risplendi.
Dopo un decennio di riflessione
mi sono sdraiata sul tuo palmo.
Mi sentivo piena di te, ricca più che mai.
i miei occhi si sono riempiti dell'azzurro del cielo
che tu appoggiavi con quella stessa mano.
Arroccata sul monte Xibet, il tuo piedistallo,
con le braccia aperte e con me sul tuo palmo
ascolteremo il suono delle campane
e il canto delle rondini
mentre i tramonti
dipingeranno di rosso
le croci delle chiese e i nostri volti.

Nicoleta Nicolau
20.08.2016

Contatore Visite

Oggi112
Ieri117
Questa Settimana1364
Questo Mese13410
Da Sempre137539

Chi è Online

1
Online

Giovedì, 25 Agosto 2016 15:06
Powered by CoalaWeb
  • Spazio pubblicitario libero 6
  • Spazio pubblicitario libero 7
  • Spazio pubblicitario libero 8
  • Spazio pubblicitario libero 9
  • Spazio pubblicitario libero 10
Italian Arabic Chinese (Traditional) Czech Danish Dutch English French German Greek Japanese Portuguese Romanian Russian Spanish

Accesso Utenti

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.